Gli piaceva rileggere almeno due volte quelle mail lunghe e sconclusionate che ogni volta faceva sparire nel cestino del computer (…). Prima di buttarle via le stampava, voleva tenerle tra le mani. (…) Le guardava in silenzio e fantasticava, gli sembrava di essere diventato il protagonista di un romanzo.

iv> iv>